Presentazione di COSÌ SAN TUTT3

Libreria Trebisonda, Via Sant'Anselmo 22

13 Aprile 2022

ORE 19

Condividi:

Mercoledì 13 aprile alle ore 19:00 alla Libreria Trebisonda Marco Perduca e Giulia Perrone dell’Associazione Luca Coscioni, in collaborazione con la Cellula Coscioni Torino e il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Torino, presenteranno il libro COSÌ SAN TUTTЗ insieme a Silvia De Francia, Tullia Penna, Ludovica Poli, Tania Re e Valeria Poli.
Ingresso senza prenotazione. È necessario essere in possesso di Green Pass Rafforzato e mascherina FFP2.
Come si produce un vaccino? Perché il procedimento richiede molto tempo? Chi ne può, o deve, usufruire? Cosa dobbiamo studiare per controllare il diffondersi di malattie? Come possiamo aiutare l’agricoltura ad affrontare i cambiamenti climatici? Quali sono le terapie più efficaci per la salute mentale?
Così san tuttЗ nasce per iniziativa dell’Associazione Luca Coscioni con contributi di giuristЗ, scienziatЗ, ricercatorЗ, espertЗ e politologЗ per dare forma al diritto umano alla scienza attraverso le sue implicazioni pratiche.
Dalla sperimentazione di farmaci, alla salute sessuale e riproduttiva, a quella mentale, alla libera condivisione di studi, ricerche e risultati, il volume descrive gli elementi del diritto alla e della scienza fornendo “istruzioni” su come riconoscere questo diritto nella vita di tutti i giorni e vederlo riconosciuto da leggi, politiche, tribunali e corti.
Con una introduzione di Chiara Valerio, Così san tuttЗ è uno strumento valido per comprendere al meglio come mettere la scienza al servizio del progresso.

EVENTI IN PROGRAMMAZIONE

SALOTTINOFF

ESORDIRE

2024-05-10T16:04:01+02:00Categorie Eventi: |9 Maggio 2024| ORE 18:30|

Un incontro con esordienti e loro editor: Raffaele Cataldo e Accento, Nicolò Cavallaro e Hacca, Olga Gambari e Miraggi, Pier Paolo Di Mino e Laurana

Piero Macola presenta LAGUNE

2024-05-10T19:28:58+02:00Categorie Eventi: |10 Maggio 2024| ORE 17:30|

Venezia, in un futuro prossimo: le frontiere sono chiuse, la città è isolata dalla sua laguna e il traffico dei migranti sostiene un sistema di silenziosa violenza