Un genocidio culturale dei nostri giorni. Nakhichevan: la distruzione della cultura e della storia armena

Libreria Trebisonda, Via Sant'Anselmo 22

20 Gennaio 2024

ORE 17:30

Condividi:

Sabato 20 gennaio alle ore 17:30

Aldo Ferrari (autore del libro insieme ad Antonia Arslan) in dialogo con Marco Ruffilli e Alessia Boschis presenta Un genocidio culturale dei nostri giorni. Nakhichevan: la distruzione della cultura e della storia armena (guerini e associati).

Il Nakhichevan ha avuto a lungo un ruolo molto importante nella storia e nella cultura dell’Armenia, in particolare nell’ambito della nascita del commercio armeno in epoca moderna. Attualmente, però, la millenaria presenza armena è stata completamente cancellata in questa regione che costituisce una repubblica autonoma dell’Azerbaigian. Non solo, infatti, gli armeni hanno completamente cessato di vivere nel Nakhichevan, ma il loro imponente patrimonio artistico – in particolare le celebri croci di pietra (khachkar) di Giulfa, ma anche le numerose chiese – è stato completamente distrutto dalle autorità azere negli ultimi decenni. Ed è altissimo il rischio che lo stesso possa avvenire nel Nagorno-Karabakh ormai anch’esso privo della sua popolazione armena.

Aldo Ferrari è professore di Storia e letteratura armena presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia
Alessia Boschis è storica e dottoranda di ricerca in Storia dell’Arte armena presso l’Università degli Studi di Udine
Marco Ruffilli è storico dell’arte e dottorando di ricerca in Storia dell’Arte armena presso l’Università di Ginevra

EVENTI IN PROGRAMMAZIONE

SALOTTINOFF

ESORDIRE

2024-05-10T16:04:01+02:00Categorie Eventi: |9 Maggio 2024| ORE 18:30|

Un incontro con esordienti e loro editor: Raffaele Cataldo e Accento, Nicolò Cavallaro e Hacca, Olga Gambari e Miraggi, Pier Paolo Di Mino e Laurana

Piero Macola presenta LAGUNE

2024-05-10T19:28:58+02:00Categorie Eventi: |10 Maggio 2024| ORE 17:30|

Venezia, in un futuro prossimo: le frontiere sono chiuse, la città è isolata dalla sua laguna e il traffico dei migranti sostiene un sistema di silenziosa violenza