ANNULLATO Wislawa Szymborska e Olga Tokarczuk. 5 lezioni con Alessandro Ajres

Libreria Trebisonda, Via Sant'Anselmo 22

26 Aprile 2022

ORE 19:30

Condividi:

Dal 26 aprile, con Alessandro Ajres, ti proponiamo 5 lezioni su 2 Premi Nobel polacchi: Wislawa Szymborska e Olga Tokarczuk. Per partecipare scrivi a trebisondalibri@gmail.com. I numero di posti è limitato. Le lezioni avranno luogo dalle 19:30 alle 21 in queste date: 26 aprile, 3-10-24-31 maggio.

Ciclo di 5 lezioni sulla poetessa polacca Wislawa Szymborska, vincitrice del premio Nobel 1996, che ha conquistato con i propri versi il pubblico mondiale e italiano, diventando un vero e proprio caso letterario, e su Olga Tokarczuk, vincitrice del Nobel 2018, prosatrice inizialmente poco nota che tuttavia – in virtù della freschezza e l’anticonformismo delle proprie idee – si sta già ritagliando spazio presso un pubblico attento e curioso. Viaggeremo nei componimenti dell’una e dell’altra per aree tematiche, senza rinunciare a collegare tra loro i vari argomenti, le varie opere e approfondendo – dove possibile – la realtà storico circostante e gli altri poeti/scrittori polacchi che abbiano condiviso le stesse passioni. Talvolta l’incontro, muovendoci per macrotemi, sarà incentrato principalmente sull’opera dell’una, escludendo quella dell’altra se non pregnante; altre volte, invece, sarà possibile individuare somiglianze e addirittura linee di contiguità.

26 aprile: La natura e gli animali
“Devo iniziare dalla Bibbia, dove è stato detto chiaramente che, se un Bue uccide una donna o un uomo, deve essere lapidato”. La Szymborska percepisce su di sé così forte la presenza della natura da rifletterne i verbi, movimenti, le specificità sull’essere umano. Il suo è un rapporto così intenso con la dimensione vegetale e animale come pochi altri poeti hanno saputo indagare. Olga Tokarczuk non è da meno, anzitutto nel romanzo-giallo “Guida il tuo carro sulle ossa dei morti”, laddove esplicita una posizione chiaramente animalista (e per questo verrà attaccata in patria).

3 maggio: Il mito
“Sono io, Cassandra./E questa è la mia città sotto le ceneri./E questi i miei nastri e la verga di profeta./E questa è la mia testa piena di dubbi”. Il mito, e la sua rivisitazione, è un elemento imprescindibile nell’opera della Szymborska, per tentare di spiegarsi e spiegarci quel che ci circonda. Il mito, tuttavia, è anche fonte inesauribile per l’opera di Olga Tokarczuk, che si muove intorno ad esso fin dalle prime opere. Le due scrittrici si avvicinano, peraltro, nello studio della figura della Grande Madre.

10 maggio: Il viaggio
“Fluidità, mobilità, illusione: questo vuol dire essere civilizzati. I barbari non viaggiano, loro si spostano soltanto con uno scopo o compiono razzie”. In particolare nei Vagabondi Olga Tokarczuk approfondisce il tema del viaggio e dello spostamento come necessità di vita, ma questa tematica attraversa percettibilmente l’intera sua opera.

24 maggio: Il sogno
“In sogno/dipingo come Vermeer./Parlo correntemente il greco/e non solo con i vivi”. Il pittore di Delft attraversa tutta l’opera della Szymborska, ma non è l’unico che lei utilizzi per dirci qualcosa di più su di sé e su quelle che siano le sue idee, i suoi sentimenti, le sue sensazioni. Un uso altrettanto frequente della dimensiona onirica compie Olga Tokarczuk nella propria opera, frutto anche di una solida formazione da psico-terapeuta

31 maggio: La storia
“E chi è questo pupo in vestina?/Ma è Adolfino, il figlio dei signori Hitler!”. Quali sono gli eventi storici che hanno impattato maggiormente sull’opera della Szymborska, e come li ha giudicati? E quali sono state, nel corso degli anni, le sue posizioni politiche e le sue opinioni su quanto le capitava intorno?

Ordina il libro

EVENTI IN PROGRAMMAZIONE

Valeria Palumbo presenta La donna che osò amare sé stessa

2022-09-10T11:02:18+02:00Categorie Eventi: |24 Settembre 2022| ORE 17:30|

Sabato 24 settembre alle 17:30, nel Giardino Eva Mameli Calvino, in Via Campana 32 a Torino, l'associazione Donne per la difesa della società civile organizza la presentazione de La donna che osò amare se stessa. Indagine sulla contessa di Castiglione (Neri Pozza). Reading con l'autrice Valeria Palumbo e l'accompagnamento musicale di Carlo Rotondo

Gabriella Dal Lago presenta UTO E GESSO

2022-09-17T18:36:09+02:00Categorie Eventi: |27 Settembre 2022| ORE 18:30|

È notte. Due fratelli che hanno poco più di vent’anni sono seduti in una macchina ferma nella piazzola di sosta di un’autostrada, bloccati dalla neve. Uto e Gesso sono i loro nomi, o almeno, così è come li chiamano tutti. L'autrice dialoga con Matteo Fontanone

María Helena Boglio presenta DOVE COMINCIA LA RIVOLUZIONE

2022-09-10T12:12:13+02:00Categorie Eventi: |30 Settembre 2022| ORE 18:30|

Argentina 1973. I sondaggi per le imminenti elezioni danno vincenti i peronisti con ampio margine, la fi ne della dittatura sembra a portata di mano. Ma la giunta militare non ci sta e una brutale campagna repressiva insanguina le strade e le coscienze. Mentre alla radio si rincorrono notizie di ragazzi uccisi negli scontri in tutto il Paese, Sofía non vede l'ora di iscriversi all'Università e mordere la vita

Danilo Zagaria presenta IN ALTO MARE

2022-09-22T18:26:55+02:00Categorie Eventi: |4 Ottobre 2022| ORE 18:30|

La crisi ambientale che stiamo attraversando, globale e complessa, non può essere affrontata senza tenere conto che ogni problema riguarda il pianeta nel suo insieme, abitanti compresi. In altre parole, tutto è connesso e nessun essere umano può ritenersi fuori dal discorso

Iacopo Barison presenta AUTOFICTION

2022-09-22T18:31:21+02:00Categorie Eventi: |7 Ottobre 2022| ORE 18:30|

Iacopo Barison torna con un romanzo di grande maturità, confermandosi il cantore di una generazione troppo spesso raccontata in modo superficiale, svelandoci il mistero che si cela in ogni famiglia felice e infelice a modo suo

LA LIBRAIA

Malvina Cagna ha aperto la Trebisonda nel 2011.

Prima di fare la libraia si è occupata di ricerca, progettazione e organizzazione dello sviluppo locale.
Dal 2000 al 2003 ha diretto il festival San Salvario Mon Amour.

PER INFO:
Torna in cima