UNO SGUARDO TAGLIENTE. Serata dedicata a Luca Rastello

Polo Culturale Lombroso16, Via Lombroso 16

27 Settembre 2021

18:30

Condividi:

Lunedì 27 settembre alle 18:30, al Polo Culturale Lombroso16, in Sala Molinari, Andrea De Benedetti, Marco Gobetti, Carlo Pestelli, Jacopo Ricca coordinati da Giorgio Morbello, animano un incontro basato su Uno sguardo tagliente (Chiarelettere), libro postumo di reportage e interviste dal 1986 al 2015.

Ingresso gratuito con green pass, prenotazione su eventbrite.

 

“Può darsi che il letterato abbia diritto all’ingenuità, ma non sono sicuro che l’ingenuità sia innocente, né che l’innocenza sia innocua.” Luca Rastello

I reportage di viaggio (con una predilezione per il Sudamerica e per l’Asia centrale), la letteratura in generale e quella ceca in  particolare, il narcotraffico internazionale e i suoi attori, la guerra nella ex Jugoslavia, le luci e le tenebre di Torino, emblema di un paese intero, i migranti, il Tav, i movimenti anarchici. E poi una galleria di persone, sempre “irregolari” ed eccentriche rispetto ai protagonisti dei racconti mainstream. Trent’anni di vita e di lavoro dedicati a capire le trame e le pieghe del mondo, a cavallo di due secoli.

“Fate ogni giorno qualcosa che vi spaventi” è una frase di Kurt Vonnegut molto amata da Ra­stello, che fa da sfondo a tutta la sua produzio­ne giornalistica e anche letteraria, qui raccolta attraverso una selezione di articoli e reportage. Rastello non ha paura di inoltrarsi là dove la realtà è più contrastata o addirittura tragica, come se – scrive Morbello nella prefazione – si preoccupasse sempre di “trovare il punto di massimo attrito” sia quando parla della sua città, Torino, squassata da una profonda trasforma­zione dopo l’effimero rilancio delle Olimpiadi invernali, sia quando ci porta in qualche paese sperduto dell’Asia centrale o in Amazzonia, tra popoli in guerra e in povertà. Nessuna conci­liazione o effetto edulcorante: i viaggi in Bosnia centrale in tempo di guerra, gli antagonisti della Val di Susa e il fantasma dell’alta velocità, le tor­ture a due passi da casa nel carcere di Asti, l’or­rore del male colto in un pluriomicida (Donato Bilancia) – senza che mai il giudizio faccia velo sulla presa della realtà – sono offerti non come verità oggettive ma come altrettanti sguardi in cui prima di tutto è dichiarato il punto di os­servazione. Per questo il racconto che l’autore ci propone richiede sempre uno sforzo di ade­sione, o magari di contrapposizione. Come dire: “Tu, lettore, da che parte stai? Io sto qui”.
Il suo è sempre un situarsi dalla parte più com­plicata, non per assumere una postura data a priori ma perché i fatti e le persone di per sé sono solcati da luci e tenebre, e perché è “im­possibile mettersi in regola con l’ordine del mondo”: eppure ciò non vuol dire rinunciare ad avere uno sguardo ironico e divertito sulle cose, come quello che Rastello ha mantenuto anche nella malattia.

“Luca è stato un grande indagatore soprattutto delle ferite aperte, delle faglie. Dalla guerra al narcotraffico, dai migranti all’alta velocità, dal disagio psichico al complesso tema del terzo settore, del male che si nasconde anche nel bene, Luca ha sempre cercato di sbatterci in faccia, anche con forza, con convinzione, la complessità del reale.” Carlo Greppi

 

Luca Rastello è stato direttore di alcune riviste fra le quali L’indice dei libri del mese e Narcomafie. Inviato per Diario della settimana, è stato in seguito collaboratore de La Repubblica. Negli anni Novanta ha preso parte a diverse iniziative nell’ambito della cooperazione internazionale: fra il ’93 e il ’97 ha lavorato in particolare con il Gruppo Abele e l’Italian Consortium of Solidarity nell’ex-Jugoslavia. Da quell’esperienza è nato il suo primo libro La guerra in casa (Einaudi), ispirato alla guerra in ex Jugoslavia. Piove all’insù (Bollati Boringhieri editore) è il suo primo romanzo, uscito nel 2006. Seguono altri reportage: Io sono il mercato, Binario Morto. Poi il romanzo I buoni, anch’esso con Chiarelettere.

Ordina il libro

SEGUI LA DIRETTA

Link alla diretta:

EVENTI IN PROGRAMMAZIONE

Orazio Labbate presenta SPIRDU

2021-08-05T18:43:23+02:00Categorie Eventi: |15 Settembre 2021| 18:30|

A Falconara, zona marittima di Butera, il giovane esorcista Jedediah Faluci spossessa i contadini indemoniati nell’ex macelleria del paese. Dall’altra parte del mondo, a Milton, in West Virginia, la detective Kathrine Pancamo dà la caccia a un sanguinario serial killer che semina terrore nelle chiese della contea

Mario E. Bianco presenta DICE CHE MIA MAMMA FACEVA LE POSTE

2021-08-05T16:53:23+02:00Categorie Eventi: |16 Settembre 2021| 18:30|

I soggetti delle storie, i personaggi narrati, sono sofferenti, poveracci, malati mentali, pìcari, visionari, ladri o truffatori di mezza tacca, vittime di violenze familiari e non. Persone emarginate che vivono in quel margine, detto zona d'ombra, di cui si evita di parlare, se ne dice il meno possibile, eccetto il caso in cui diventino protagoniste di fatti di cronaca nera

Pietro Scaramuzzo presenta TROPICALIA

2021-09-11T12:59:15+02:00Categorie Eventi: |17 Settembre 2021| 18:30|

Autentico esperto di musica e cultura brasiliane, Pietro Scaramuzzo ricostruisce un’epoca irripetibile della storia politica e culturale, nella quale alla ferocia di una dittatura sempre più spietata e di un apparato repressivo capillare si sono contrapposti un fervore artistico e una libertà di sguardo e di voce che mantengono immutata, ancora oggi, la loro forza sovversiva

Paolo Panzacchi presenta DOVE NASCE L’ODIO

2021-09-16T17:46:51+02:00Categorie Eventi: |18 Settembre 2021| 18|

Una mattina qualunque a Roma, Parigi e Berlino decine di uomini si preparano alla più grande azione terroristica coordinata della storia. Chi c’è davvero dietro l’ideazione di questi terribili attacchi? Un’organizzazione paramilitare araba chiamata I figli di Allah che vuole assumere il controllo di buona parte del Medio Oriente, oppure Gianni Arienti, il mercenario più ricercato al mondo?

Manuela Mellini presenta LA STRADA SI CONQUISTA

2021-09-10T17:37:32+02:00Categorie Eventi: |21 Settembre 2021| 18:30|

La bicicletta è ancora sinonimo di resistenza e rivoluzione nei luoghi in cui le donne devono battersi per i diritti più elementari, ma anche nelle città occidentali, dove la lotta per il proprio riconoscimento va di pari passo con la ricerca di una mobilità democratica e inclusiva, con lo sguardo all’ambiente. Nella battaglia per l’autodeterminazione, nella volontà di costruire una società più equa e giusta, la bicicletta è un’ottima alleata delle donne

Luca Greco presenta SULLE STRADE DELL’APARTHEID

2021-08-05T19:03:36+02:00Categorie Eventi: |24 Settembre 2021| ore 18:30|

Nucleo dell’incastro di fili, di storie e di sguardi che le immagini provano a raccontare è la continua e progressiva privazione della libertà che ha colpito e tuttora colpisce il popolo palestinese, quello saharawi e quello di religione cattolica dell’Irlanda del Nord

Valeria Palumbo in reading: NON PER ME SOLA

2021-09-11T13:04:22+02:00Categorie Eventi: |25 Settembre 2021| 17:30|

Le opere delle nostre scrittrici – da Ada Negri a Elsa Morante, da Grazia Deledda a Luce d’Eramo, da Matilde Serao a Sibilla Aleramo e Anna Maria Ortese – offrono il racconto della battaglia durata più di un secolo per garantire alle donne italiane piena cittadinanza. Con Carlo Rotondo

Marinella Belluati presenta FEMMINICIDIO

2021-09-15T11:31:44+02:00Categorie Eventi: |29 Settembre 2021| 18:30|

Il volume propone una definizione di femminicidio dal punto di vista della realtà e della sua narrazione, analizzando il modo in cui, in Italia, le sue rappresentazioni sociali sono costruite e agiscono nel discorso giornalistico, pubblico e politico

  • Filtra per:

LA LIBRAIA

Malvina Cagna ha aperto la Trebisonda nel 2011.

Prima di fare la libraia si è occupata di ricerca, progettazione e organizzazione dello sviluppo locale.
Dal 2000 al 2003 ha diretto il festival San Salvario Mon Amour.

PER INFO:
Torna in cima