Matteo Marchesini presenta Scherzi della natura

Libreria Trebisonda, Via Sant'Anselmo 22

29 Marzo 2023

ORE 18:30

Condividi:

Mercoledì 29 marzo alle 18:30 Matteo Marchesini presenta la raccolta poetica Scherzi della natura (Valigie rosse) in dialogo con Mariolina Bertini e Jacopo Mecca dell’associazione Il Ponte.
«Dopo sei anni dall’ultima raccolta (Cronaca senza storia, edita da elliot) Matteo Marchesini torna alla poesia con un testo che riconferma la rara forza della sua vocazione. Si ritrovano qui molti temi cari al Marchesini poeta e narratore (è dell’anno scorso la raccolta di racconti Miti personali, felice appropriazione narrativa di miti e icone culturali), esplorati tuttavia con una sensibilità acutissima per le novità percettive inaugurate da una nuova stagione della vita; l’età di mezzo, come s’intitola una delle sezioni del libro, non reca in sé nessuna forma di quiete conoscitiva, se si esclude la ferma coscienza di trovarsi dentro un tumulto di giorni ingovernabili, gremiti di allarmi e presagi. Certo, ci sono gli altri: gli affetti familiari, amicali, un amore che sprizza vita; la sensazione di inconsistenza quasi metafisica che danna il soggetto, potrà però essere ammansita, affinché sia salva la luminosità di quelle figure? È una domanda impronunciata, che vibra in quasi ogni verso di queste poesie […] In termini nitidamente perentori, con Scherzi della natura Marchesini ci consegna uno splendido canzoniere della fragilità e della lucidità in cui il lettore potrà riconoscere precisi tratti del nostro presente nella versione originale di uno dei nostri scrittori migliori».
(dalla nota di Paolo Maccari)

EVENTI IN PROGRAMMAZIONE

SALOTTINOFF

ESORDIRE

2024-05-10T16:04:01+02:00Categorie Eventi: |9 Maggio 2024| ORE 18:30|

Un incontro con esordienti e loro editor: Raffaele Cataldo e Accento, Nicolò Cavallaro e Hacca, Olga Gambari e Miraggi, Pier Paolo Di Mino e Laurana

Piero Macola presenta LAGUNE

2024-05-10T19:28:58+02:00Categorie Eventi: |10 Maggio 2024| ORE 17:30|

Venezia, in un futuro prossimo: le frontiere sono chiuse, la città è isolata dalla sua laguna e il traffico dei migranti sostiene un sistema di silenziosa violenza