Davide Mazzocco presenta Geomanzia.

15 Luglio 2021

18:30

Condividi:

Giovedì 15 luglio alle 18:30, all’Aiuola Ginzburg davanti alla Casa del Quartiere San Salvario (via Morgari 14), Davide Mazzocco presenta con Silvio Valpreda Geomanzia. Sappiamo ancora leggere i segni della terra? (Palermo University Press). Ingresso libero, posti limitati.

Ghiacciai che si sciolgono e foreste che bruciano, metropoli inquinate e oceani saturi di plastica, siccità e alluvioni, carenze alimentari e patologie da sovralimentazione, le contraddizioni e le estremizzazioni della crisi climatica sono il risultato dell’opera plurisecolare di un sistema capitalistico che mercifica ogni aspetto dell’esistenza ed estrae risorse dagli ecosistemi, violentando territori, tradizioni e comunità. La crescente intermediazione del rapporto fra uomo e natura presta il fianco al negazionismo e alle narrazioni del greenwashing, ma il tempo per ridurre l’impatto ambientale di un’economia lineare basata sulle risorse fossili sta per scadere. Partendo dai quattro elementi, l’autore propone una riflessione sul ruolo della politica, dell’economia e dell’impegno individuale al cospetto delle crisi socioambientali e delle diseguaglianze che ne conseguono.

Davide Mazzocco è giornalista free lance e autore di documentari. In passato si è occupato di ambiente per La stampa Tuttogreen, Ecoblog, Terra e La nuova ecologia, attualmente ne scrive su eHabitat, Slow news e Singola. Fra le pubblicazioni, Giornalismo online, Propaganda Pop e Cronofagia. Autore del documentario Deserto verde (2018), presentato in festival italiani ed esteri.

Ordina il libro

SEGUI LA DIRETTA

Link alla diretta:

TREBISONDA NELL’AIUOLA – incontri all’aiuola Ginzburg,
Casa del Quartiere San Salvario, Via Morgari 14

Roberto Mezzalama presenta Il clima che cambia l’Italia.

2021-07-13T17:16:22+02:00Categorie Eventi: |1 Luglio 2021| 18:30|

Gli effetti del riscaldamento climatico sono già arrivati in Italia. Il clima sta cambiando velocemente e questo libro raccoglie testimonianze dalla viva voce di chi già oggi è toccato nella sua attività quotidiana dalle trasformazioni in atto nel nostro Paese. È la narrazione di agricoltori, pescatori, guide alpine, maestri di sci, albergatori, guardie forestali, insomma le persone che vedono una preoccupante accelerazione dei fenomeni che stanno cambiando i luoghi di cui si prendono cura.

Paolo Borgna e Jacopo Rosatelli presentano Una fragile indipendenza.

2021-07-15T17:52:36+02:00Categorie Eventi: |13 Luglio 2021| 18:30|

L’indipendenza non è più una virtù? Il “caso Palamara”, che ha sconvolto la vita della magistratura italiana, compromettendone l’immagine agli occhi dell’opinione pubblica, autorizza a porsi seriamente questa domanda. E la risposta non può essere di comodo e banalmente rassicurante, ma richiede una profonda riflessione, che dalle vicende più recenti risalga ad alcuni snodi cruciali dei decenni scorsi.

Davide Mazzocco presenta Geomanzia.

2021-07-15T19:05:45+02:00Categorie Eventi: |15 Luglio 2021| 18:30|

Ghiacciai che si sciolgono e foreste che bruciano, metropoli inquinate e oceani saturi di plastica, siccità e alluvioni, carenze alimentari e patologie da sovralimentazione, le contraddizioni e le estremizzazioni della crisi climatica sono il risultato dell’opera plurisecolare di un sistema capitalistico che mercifica ogni aspetto dell’esistenza ed estrae risorse dagli ecosistemi, violentando territori, tradizioni e comunità.

Massimo Miro presenta Suite berlinese (Scritturapura).

2021-07-13T17:25:22+02:00Categorie Eventi: |7 Settembre 2021| 18:30|

Berlino Est, anni ’80. Un uomo scruta dall’altra parte della strada la Lada della Volkpolizei appostata sul marciapiede davanti al suo laboratorio fotografico. Immagina che gli agenti abbiano già fatto irruzione in casa, due stanze modeste proprio lì, al primo piano. E sa bene perché. In quegli istanti rivede tutta la sua vita: il trasferimento all’Ovest con la madre quando era ancora un bambino, il liceo, la brillante carriera da fotografo, l’amore per Gala, quel maledetto esperimento, fino alla decisione di tornare all’Est.

  • Filtra per:

LA LIBRAIA

Malvina Cagna ha aperto la Trebisonda nel 2011.

Prima di fare la libraia si è occupata di ricerca, progettazione e organizzazione dello sviluppo locale.
Dal 2000 al 2003 ha diretto il festival San Salvario Mon Amour.

PER INFO:
Torna in cima