Claudio Giacchino presenta Venti di terrorismo

Libreria Trebisonda, Via Sant'Anselmo 22

30 Maggio 2023

ORE 18:30

Condividi:

Martedì 30 maggio alle 18:30 Claudio Giacchino presenta Venti di terrorismo (Graphot) con Maurizio Ternavasio.

Un racconto a più voci scandisce gli anni in cui un’intera città è stata sotto scacco dei terroristi che hanno ucciso e ferito decine di persone. A Torino dal marzo 1977 all’ottobre del 1982 il copione degli omicidi delle Brigate Rosse e di Prima Linea era sempre uguale: colpi di pistola, raffiche di mitra a bruciapelo contro uomini inermi, colti di sorpresa mentre uscivano di casa per andare al lavoro o si trovavano nel posto sbagliato al momento sbagliato.
Poliziotti, carabinieri, agenti di custodia, guardie giurate, un avvocato, un giornalista, dirigenti Fiat, capisquadra, sorveglianti, studenti narrano in prima persona gli ultimi assurdi momenti delle loro esistenze. Le vite di venti uomini, caduti in una guerra grottesca che per anni ha incupito la città, tracciano la storia di un’Italia in cui era molto facile morire senza ragione alcuna.
VINCITORE DEL PREMIO I MURAZZI 2023

Claudio Giacchino per tanti anni cronista de La Stampa: è “andato” su quasi tutti gli omicidi, ha visto gli effetti devastanti della follia terrorista poi ne ha conosciuto i responsabili, seguendo i processi nell’aula bunker delle Vallette contro gli assassini di Brigate Rosse e Prima Linea. Alcuni li ha poi incontrati nelle carceri di massima di sicurezza in cui erano detenuti. Autore di numerosi noir e ricostruzioni di celebri casi di nera.

EVENTI IN PROGRAMMAZIONE

SALOTTINOFF

ESORDIRE

2024-05-10T16:04:01+02:00Categorie Eventi: |9 Maggio 2024| ORE 18:30|

Un incontro con esordienti e loro editor: Raffaele Cataldo e Accento, Nicolò Cavallaro e Hacca, Olga Gambari e Miraggi, Pier Paolo Di Mino e Laurana

Piero Macola presenta LAGUNE

2024-05-10T19:28:58+02:00Categorie Eventi: |10 Maggio 2024| ORE 17:30|

Venezia, in un futuro prossimo: le frontiere sono chiuse, la città è isolata dalla sua laguna e il traffico dei migranti sostiene un sistema di silenziosa violenza