Alessandro Ajres presenta Storia della Polonia dal 1918 a oggi

Libreria Trebisonda, Via Sant'Anselmo 22

27 Ottobre 2023

ORE 19

Condividi:

Venerdì 27 ottobre, alle 19, Alessandro Ajres presenta Storia della Polonia dal 1918 a oggi (Morcelliana Scholé) in dialogo con Simone Attilio Bellezza e Giulia Randone.

L’ultimo secolo ha visto la rinascita di una nazione polacca indipendente, costretta a confrontarsi con i potenti Stati ai suoi confini, Germania e Russia. Dopo il devastante secondo conflitto mondiale e lo sterminio della sua numerosa comunità ebraica, la Polonia orbita nell’area di influenza sovietica durante la Guerra fredda per poi avvicinarsi, negli anni successivi alla caduta del Muro di Berlino, alle istituzioni europee e all’Alleanza atlantica, diventandone un baluardo in un’area di confine sempre più delicata e strategica. Mentre proseguono i conflitti con l’Unione europea in materia di libertà e diritti civili, la guerra tra Russia e Ucraina consegna alla Polonia un ruolo fondamentale nelle dinamiche geopolitiche europee. Il modo in cui Varsavia lo interpreterà sarà decisivo per la pace globale e la democrazia nel nostro continente.

Alessandro Ajres è ricercatore all’Università di Bari, dove insegna Lingua polacca. Si occupa principalmente di letteratura e storia polacca moderna e contemporanea, cui ha dedicato diverse pubblicazioni. Tra queste ricordiamo: Aborto senza frontiere. Il movimento polacco e i suoi modelli (Rosenberg & Sellier, 2022). Collabora con varie testate giornalistiche, tra cui: «Domani», «Linkiesta», «Vanity Fair», «East Journal», «QCode Magazine», per le quali racconta l’attualità politica polacca.

EVENTI IN PROGRAMMAZIONE

SALOTTINOFF

ESORDIRE

2024-05-10T16:04:01+02:00Categorie Eventi: |9 Maggio 2024| ORE 18:30|

Un incontro con esordienti e loro editor: Raffaele Cataldo e Accento, Nicolò Cavallaro e Hacca, Olga Gambari e Miraggi, Pier Paolo Di Mino e Laurana

Piero Macola presenta LAGUNE

2024-05-10T19:28:58+02:00Categorie Eventi: |10 Maggio 2024| ORE 17:30|

Venezia, in un futuro prossimo: le frontiere sono chiuse, la città è isolata dalla sua laguna e il traffico dei migranti sostiene un sistema di silenziosa violenza