La vita è troppo breve per leggere brutti libri
Via Sant'Anselmo 22, 10125 Torino
011.7900088
trebisondalibri@gmail.com

Nader Ghazvinizadeh presenta ADDIO VINT

Nader Ghazvinizadeh presenta ADDIO VINT

data/ora
dal 8 giu 2019
7:00 PM - 8:15 PM

sede
Libreria Trebisonda

tipo di evento


Queste strade per le quali ora sto camminando, seguendo il cane e il suo percorso, non le guardo più, da tempo: sono impresse nel pensiero e restano nei pensieri, penso le strade e non le guardo, anche quando le attraverso. Adesso costeggio col cane la ferrovia ormai interrata e passo il parco della Zucca, che sembra il cortile di un condominio, all’ombra di una muraglia con la strada di ferro che taglia a metà la prospettiva.

Sabato 8 giugno alle 19 Nader Ghazvinizadeh presenta Addio Vint (Bébert edizioni). Modera Matteo Marchesini. Intervengono Mario Marchetti del Premio Italo Calvino e Giorgio Ghibaudo della rivista Crack.

Addio Vint esplora la città di Bologna in modo inedito, offrendocene una visione che ne svela l’anima ineffabile, inquieta.
Grazie all’istinto da cartografo dell’autore, questi quattro racconti illuminano aree urbane in penombra con la forza e l’imprevedibilità di un incendio. Il fuoco divampa e sceglie strade arbitrarie, portando l’attenzione su oggetti semplici e abitudinari.
Ghazvinizadeh segue questo fuoco con dedizione fino alla destinazione ultima, soffermandosi sui protagonisti dei racconti, custodi di esistenze eccezionali, che svelano scorci umani e cittadini sconcertanti. L’autore crea quattro biografie minime che formano un unico autoritratto della città.
I personaggi sono stati interpretati dal fumettista Andrea Bruno in ritratti disegnati, immaginari e rivelatori.
La raccolta propone un immaginato altro di Bologna, inadatto ai suoi brand e luoghi comuni – cultura underground, cibo, turismo – rivelando una città diversa, oscura e reale.

Ho pedinato di nuovo De Zaiacomo, me lo immagino ancora di spalle, ricurvo: andava da Duilio per i raudi; l’ho seguito per mesi nelle nostre silenziose ronde pirogene. Avevo bisogno di un’influenza negativa, De Zaiacomo mi mostrò i luoghi strategici del rione dove agire.

Riconosco chi è andato in guerra da come si lascia cadere su una sedia, da come preme le mani sui braccioli prima di rialzarsi. Se qualcuno muore adesso a ottant’anni per me é comunque morto in guerra.

Nader Ghazvinizadeh è nato a Bologna nel 1977 e ha vissuto in Iran fino allo scoppio della rivoluzione khomeinista. È docente presso un collegio svizzero e tiene, all’Università Primo Levi, i corsi di Storia delle periferie e Storia della pedagogia. Nel 2001 ha curato, per il quotidiano il Domani, il reportage Le strade che non esistono, sulle strade scomparse dalla cartina di Bologna. Ha pubblicato le raccolte di poesie Arte di fare il bagno (Giraldi, 2004) e Metropoli (CFR, 2011). Nel 2014 è uscito, per la collana I Chiodi di Pendragon, il suo primo libro di racconti, I Cosmonauti. Un suo saggio sul Colonnello Valerij Lobanovs’kyj è stato pubblicato da Prospero Editore nel 2018, all’interno del volume I compagni non perdono mai.

Andrea Bruno (Catania, 1973) è un fumettista e illustratore italiano. I suoi lavori sono apparsi su numerose riviste e antologie italiane e internazionali. Nel 2000 ha ricevuto il premio Attilio Micheluzzi – Nuove strade al Napoli Comicon e il premio Lo straniero; nel 2007 il premio come Miglior Autore Unico a Lucca Comics. Ha esposto in diverse mostre personali e collettive in Italia e all’estero. Nel 2005 è stato tra i fondatori del gruppo Canicola, con il quale ha dato vita all’omonima rivista. Nel 2017 è uscito per Canicola il terzo volume della sua trilogia Cinema Zenit.