La vita è troppo breve per leggere brutti libri
Via Sant'Anselmo 22, 10125 Torino
011.7900088
trebisondalibri@gmail.com

Lorenza Ronzano presenta LA VARIABILE UMANA

Lorenza Ronzano presenta LA VARIABILE UMANA

data/ora
dal 27 nov 2019
6:30 PM - 7:45 PM

sede
Libreria Trebisonda

tipo di evento


Mercoledì 27 novembre alle ore 18:30
Lorenza Ronzano presenta La variabile umana (Elèuthera editrice). Intervengono Maria Quarato, psicoterapeuta interazionista, e Giulia Lombardi.

Sempre più spesso si ricorre allo psichiatra come a un factotum in grado di risolvere problemi che non si sa bene chi altri potrebbe risolvere. Eppure c’è un enorme scollamento tra le classificazioni diagnostiche della psichiatria e il singolo essere umano con la sua peculiarissima storia. A partire dalla quotidiana esperienza in un day hospital, queste riflessioni danno conto di una nuova figura extra-terapeutica la cui finalità è dar voce all’umanità delle persone che transitano nei reparti psichiatrici. E il più delle volte è questo ciò di cui hanno bisogno i «pazienti»: esprimere un malessere interiore che non è sempre sinonimo di malattia psichiatrica e che anzi rimanda a ben precisi problemi sociali come la disoccupazione, le ristrettezze economiche, la solitudine, l’assenza di cure. Tutte questioni che la psichiatria non può in alcun modo risolvere, anche se continua a dispensare etichette diagnostiche e cure farmacologiche a chiunque metta piede in un reparto psichiatrico. Un approccio che si pretende scientifico e che nondimeno si rivela inadatto a maneggiare l’estrema – incomprimibile – variabilità umana.

Lorenza Ronzano ha insegnato Lettere in varie scuole pubbliche e private, per poi lavorare come consulente filosofico presso il reparto psichiatrico dell’ospedale di Alessandria. Nel 2014 ha esordito con il romanzo Zolfo (selezione Campiello opera prima 2014; finalista premio Alvaro 2015).

«Di che cosa si occupa Lei?».
«Mi occupo di consulenza filosofica».
Brrr! Il linguaggio del nemico, avrebbe detto quella vecchia volpe di Jung. E invece:
«Io qui ascolto la gente che si sfoga, che vuota il sacco».
Non suona molto meglio così?

ronzano