"life is too short to read bad books"
Via Sant'Anselmo 22, 10125 Torino
011.7900088
trebisondalibri@gmail.com

CHE COSA LEGGO IN VACANZA?

CHE COSA LEGGO IN VACANZA?

data/ora
dal 16 lug 2017 al 12 set 2017
12:00 AM - 12:00 AM

sede
Libreria Trebisonda

tipo di evento


Come ogni estate, ecco un elenco di libri letti, apprezzati e caldamente consigliati!

Paco Ignacio Taibo II, L’ombra dell’ombra, La Nuova Frontiera, € 16,50. Traduzione di M. P. Ferrari.
Da questo autore vulcanico, versatile e di incomparabile ironia, un thriller con strampalati e tostissimi protagonisti, ambientato a Città del Messico al tempo della rivolta di Pancho Villa: riusciranno i quattro amici (un poeta, un cronista di nera, un avvocato, un sindacalista cinese) a venire a capo di una serie di inquietanti omicidi?

Giordano Tedoldi, Tabù, Tunué, € 14,90
Una festa in giardino, un incontro, il desiderio di un tradimento: dopo un incipit da romanzo per l’estate, l’ultimo lavoro di Tedoldi, splendidamente scritto e congegnato, mette in fila tabù e tribù, ovvero esperimenti di convivenza umana, di disciplina e di follia, di anime sante e di corpi corrotti, e viceversa. Da leggere anche il suo Io odio John Updike, ripubblicato da minimum fax nel 2015.

Atlante leggendario delle strade d’Islanda, a cura di Jón R. Hjálmarsson, Iperborea, € 16. Traduzione di Silvia Cosimini
Questo Atlante, che mantiene le classiche dimensioni a “mattonella”degli Iperborea, è strutturato così: ogni capitolo è dedicato a una regione, o meglio a una zona dell’Islanda, a cui corrispondono storie della tradizione e leggende. Ideale per un viaggio, reale o sognato, anche con i bambini.

Adolfo Bioy Casares, L’invenzione di Morel, Sur, € 15. Traduzione di Francesca Lazzarato
Manuel Puig, Il bacio della donna ragno, Sur, € 16,50. Traduzione di Angelo Morino
Tornano in libreria grazie a Sur questi due gioielli della narrativa argentina, il secondo nella pregevole traduzione di Angelo Morino, amico e scopritore di molti imprescindibili autori, come appunto Manuel Puig e Roberto Bolaño.

Morten Strøksnes, Il libro del mare, Iperborea, € 17,50. Traduzione di F. Felici
Ovvero “come andare a pesca di uno squalo gigante con un piccolo gommone in un vasto mare”. La storia, vera, dell’autore e di un suo amico a caccia del grande squalo della Groenlandia, il vertebrato più longevo del pianeta oltre che temibile predatore. Il fascino dell’eterna lotta umana contro l’ignoto e il temuto; antiche leggende e storie contemporanee del mare e degli abissi.

Jesse Jacobs, E così conoscerai l’universo e gli dei, Eris , € 10. Traduzione di V. Stivè
Del canadese Jacobs già si amò Safari Honeymoon. Questa genesi è in realtà il suo lavoro precedente: un romanzo a fumetti che immagina la nascita della terra e di ciò che la popola come un’interazione degli esperimenti di tre esseri (Zantex, Blorax, Ablavar) per ingraziarsi una divinità la cui volontà si manifesta attraverso un Consigliere dal profilo impiegatizio.

Tasneem Jamal, Dove l’aria è più dolce, Nuova Editrice Berti, 18 euro. Traduzione di F. Cosi e A. Repossi
Jamal sceglie la forma del romanzo, della saga familiare, per narrare una storia di pulizia etnica poco conosciuta. Il perno della storia è la famiglia di Raju, che dall’India si stabilisce in Uganda nel 1921. Qui, come altri connazionali, si costruisce una carriera di successo, fino agli anni Sessanta, quando, con l’indipendenza, in Uganda si sviluppa un sentimento antiasiatico che sfocerà, una decina di anni dopo, nell’espulsione di massa.
Dove l’aria è più dolce è una storia di diritti negati, scritta anche dal punto di vista delle donne, prigioniere di un sistema patriarcale; così come negati sono i diritti di asilo a molti asiatici in fuga dall’Uganda dopo l’epurazione di Idi Amin. E anche coloro che sono “accettati” dal Regno Unito si sentiranno non voluti, respinti dalle proteste degli inglesi al loro arrivo.

Paolo Zardi, La passione secondo Matteo, Neo., € 15
Improvvisamente, la forza di gravità del mondo aveva ripreso a esercitare la sua attrazione sulle cose: la leggerezza di Giulia, che poco prima aveva sfiorato nel lettino, si stava rivelando in tutta la sua potenziale pericolosità. Stavano arrivando dalle parti del plutonio, dell’uranio, del piombo fuso.
È quasi estate e la vita di Matteo e della sua famiglia viene sconvolta da una telefonata. Suo padre, dalla Romania, gli chiede di raggiungerlo, insieme alla sorellastra Giulia, che Matteo non vede da anni. La solita (il protagonista è una persona molto abitudinaria) vacanza familiare è in forse e, come non bastasse, un guasto informatico sul lavoro, a cui solo Matteo pare poter porre rimedio, minaccia di rovinargli anche la strana trasferta romena.

Alessandro Garigliano, Mia figlia, Don Chisciotte, NN Editore, € 16
Vivendo a tentoni, ho deciso di osservare mia figlia rinunciando a orientare la sua natura selvaggia. Mi limito ad ammirarne caratteristiche che in me sono assenti e che condivide con il capolavoro spagnolo: la vertigine dell’imperfezione, il disequilibrio dell’incompiutezza, il caos dell’indefinito. Restano nel cuore, la bambina intrepida alla scoperta di un mondo che va inventando giorno dopo giorno e il babbo, che si traveste ogni mattina da docente universitario, simulazione di un lavoro che non ha, ennesima rappresentazione per la sua piccina.

Roger Salloch, Una storia tedesca, Miraggi Tamizdat, € 16. Traduzione di Laura Berna
Un romanzo bello e poetico, su un periodo complesso come il 1935 in Germania, a Berlino, quando il nazismo comincia a mostrare la sua ferocia, e molti scelgono di non vedere o, di volta in volta, di atrocità in atrocità, cercano di adeguarsi. La vita e le scelte (o le non scelte) di Reinhardt Korber sono il perno su cui ruota tutta la narrazione. Le atmosfere rarefatte, il tocco delicato danno pieno risalto a una storia che procede anche per immagini, per frammenti; una storia che è specchio dell’interiorità di Reinhardt Korber, e che risulta straordinariamente densa.

Hanya Yanagihara, Una vita come tante, Sellerio, € 22. Traduzione di Luca Briasco
New York. Jude lo strano, fragile e sensibile, e i suoi amici dai tempi del college sono i protagonisti di questo grande romanzo di inferno e di riscatto, che ricorda per complessità e profondità i capolavori ottocenteschi.

Irmgard Keun, Gilgi, una di noi, L’Orma, € 16. Traduzione di Annalisa Pelizzola
Adatto anche ad adolescenti, è la storia di una giovane indipendente nella Köln degli anni ’30. Pieno di vita anche lo stile. Il libro fu inserito durante il nazismo nella lista della letteratura “nociva e inopportuna” e bandito.

Luca Bernardi, Medusa, Tunué, € 12
I bambini precoci non piangono mai: il primo capitolo finisce così, e non è stato una facile lettura. Al contrario. Serve, però, a farci entrare nella testa del protagonista, un giovane schizofrenico, e potrà capitare di tornarci diverse volte, su quelle prime pagine. Di tornarci, quasi sicuramente, una volta terminata la lettura. Medusa è un romanzo che si svolge su piani linguistici e temporali diversi: la lingua è sintomo, più che espressione, di stati mentali, di tempi percepiti e vissuti.

Chimamanda Ngozi Adichie, Quella cosa intorno al collo, Einaudi, € 19. Traduzione di Andrea Sirotti
Dopo romanzi come Metà di un sole giallo, L’ibisco viola e Americanah, con i racconti di Quella cosa intorno al collo Adichie propone un universo di mondi e relazioni complesso, variegato e in continua evoluzione. Evoluzione che non esclude il ritorno, come le protagoniste di alcuni suoi racconti e come la stessa Adichie, che vive tra il Maryland e Lagos, “una metropoli di quasi venti milioni di abitanti, con più energia creativa di Londra e più spirito imprenditoriale di New York”.

Aslı Erdoğan, Il mandarino meraviglioso, Keller, € 14. Traduzione di Giulia Ansaldo
Una piccola meraviglia: non c’è pagina che non sia da saccheggiare almeno una volta, per una frase preziosa. Dire della storia, che è quella di una donna turca menomata nello spirito e nel fisico, che vive a Ginevra, non esprime la naturalezza poetica con cui l’autrice (incarcerata nel 2016 per alcuni mesi a causa del suo attivismo filocurdo) riesce a tratteggiare un mondo, un sentire, solo apparentemente estranei alle donne italiane.

Çiler İlhan, Esilio, Del Vecchio, € 13,50. Traduzione di Eda Özbakay
Romanzo vincitore del Premio Letterario dell’Unione Europea 2011, Esilio cattura il lettore dalle prime pagine con una scrittura evocativa di luoghi e sensazioni. L’autrice dà vita e voce a personaggi dalle molte storie con uno stile asciutto e potente. Sono brevi racconti, quasi scatti fotografici, con uno stile tra il monologo e il fatto di cronaca. Temi secolari: i genocidi di armeni e curdi, l’enorme distanza sociale, culturale ed economica tra città e zone periferiche e rurali, la condizione femminile e la violenza sulle donne.

Mercè Rodoreda, Quanta, quanta guerra…, La Nuova Frontiera, € 16,50. Traduzione di S. M. Ciminelli
Un romanzo che non parla di soldati al fronte, ma – in maniera appassionata ed empatica – di quanto la guerra cambi le persone, gli animali, i paesaggi.

A. Guerra Naranjo, E. Medina, M. Gala, Gli amanti del secondo piano, Nuova editrice Berti, € 16. Traduzione di D. Barilli
Sei racconti di alcuni degli autori cubani più significativi di questi ultimi anni.

Alina Bronsky, L’ultimo amore di Baba Dunja, Keller, € 14,50. Traduzione di Scilla Forti
Alina Bronsky è nota in Italia per aver scritto I piatti più piccanti della cucina tatara (e/o, 2012). Siamo in un piccolo paese, vicino a Chernobyl, dove la vita non è cessata. Qualche abitante non se n’è mai andato. Altri sono ritornati. Sono altamente radioattivi e mangiano ortaggi ugualmente contaminati. I collegamenti con la città più vicina, che si è poco a poco spopolata, sono scarsi. Una vita strana, ma piena a tutti gli effetti, come anche il titolo suggerisce.

Andrea D’Agostino, Conosco l’amore meglio di voi, Codice, € 14,90
D’Agostino è capace di calarci, tenendoci saldamente per mano, in una storia violenta e sordida, che frana, precipita e coinvolge prima Vincenzo, poi Agnese. Nessuno potrà restituire loro l’innocenza e la vita. Giustizia non verrà fatta, se non in parte. E questo ha un prezzo: incontriamo Vincenzo, venticinque anni dopo, bloccato, tarpato in un’esistenza da nulla, una non-vita. Ma con una voglia insopprimibile di riscatto.

Israel Joshua Singer, La famiglia Karnowski, Adelphi, € 10. Traduzione di Anna Linda Callow
Il romanzo pubblicato nel 1943 – in yiddish – dal fratello del premio Nobel Isaac Bashevis è un’odissea familiare che si snoda per l’Europa e gli Stati Uniti, dall’inizio del Novecento fino alla Seconda Guerra Mondiale. Un romanzo dimenticato, non solo in Italia, un capolavoro ritrovato. Uno splendido settantenne, brulicante di vitalità, intenso di colore e di passione.

Lisa Gardner, Prendimi, Marcos y Marcos, € 17. Traduzione di Daniele Petruccioli
Una bomba. Mi chiedevo come Lisa Gardner potesse mantenere il livello dei thriller precedenti, ed ecco che accantona le famigliole patinate e i loro scheletri nell’armadio per scaraventarci in una storia che ha persino una punta di horror, tra madri pazze, figlie che non sono da meno, e serial killer.