La vita è troppo breve per leggere brutti libri
Via Sant'Anselmo 22, 10125 Torino
011.7900088
trebisondalibri@gmail.com

Book Pride 2020: LA VECCHIA SIGNORA DEL RIAD di Fouad Laroui

Book Pride 2020: LA VECCHIA SIGNORA DEL RIAD di Fouad Laroui

data/ora
dal 22 ott 2020
6:30 PM - 7:45 PM

sede
Libreria Trebisonda

tipo di evento


Giovedì 22 ottobre 2020 alle ore 18:30, nell’ambito di Book Pride 2020, Cristina Vezzaro (traduttrice) con Maurizio Francesconi e Alessandro Martini, presenta La vecchia signora del riad (Del Vecchio editore) di Fouad Laroui alla Trebisonda.
Prenotazioni a trebisondalibri@gmail.com.
IL LIBRO
È possibile condividere il proprio mondo con qualcuno che viene percepito come completamente estraneo? Questa è la domanda che Fouad Laroui si pone nel raccontare la tragicomica storia di François e Cécile, coppia benestante, progressista e liberale che assecondando un capriccio e inseguendo una imprecisata voglia di libertà lascia di punto in bianco la propria vita parigina per trasferirsi a Marrakesh. Costantemente destabilizzati da cliché e stupore i due “francesi di Francia” riescono, non senza qualche complicazione, a prendere possesso di un riad apparentemente perfetto, una dimora da sogno completamente in linea con le aspettative della coppia. Ed è proprio quando i due sembrano liberi di esplorare la propria idilliaca nuova vita che di nuovo si imbattono nell’inatteso: una silenziosa e coriacea vecchia signora che occupa, senza alcuna intenzione di andarsene, una stanza del loro riad. La convivenza forzata, che costringerà la coppia a confrontarsi con il proprio progressismo di maniera, saprà stimolare il dialogo tra i due mondi?
L’AUTORE
Fouad Laroui è economista e scrittore, nato a Oudja in Marocco. Dopo aver terminato il liceo a Casablanca, ha studiato ingegneria alla prestigiosa École Nationale des ponts et Chaussées di Parigi. Ha vissuto e lavorato a Cambridge e New York prima di arrivare ad Amsterdam dove attualmente insegna econometria e scienze ambientali. È autore di numerosi romanzi, racconti e saggi. Nel 2010 il suo romanzo Un anno coi francesi è candidato al PREMIO GONCOURT. Nel 2013 vince il PREMIO GONCOURT DE LA NOUVELLE con il racconto L’Étrange Affaire du pantalon de Dassoukine e nel 2014 receve il GRAND PRIX JEAN-GIONO con il romanzo Le tribolazioni dell’ultimo Sijilmassi. Laroui è anche cronista letterario per il settimanale Jeune Afrique, la rivista Economia e la radio franco-marocchina MEDI1.

 

laroui riad banner