La vita è troppo breve per leggere brutti libri
Via Sant'Anselmo 22, 10125 Torino
011.7900088
trebisondalibri@gmail.com

Home

 
18/09/2019
18:00 -18:00
Eventi
Tommaso di Francesco presenta LA BALENOTTERA MAR
Libreria Trebisonda, Torino TO

Un incontro con il vicedirettore del Manifesto e la sua favola, e con Giorgio Luzzi e Guido Viale, preceduto da un momento rivolto all’infanzia condotto da Claudio Canal e Silvia Genta


21/09/2019
18:00 -19:30
Libri
Imre Oravecz presenta SETTEMBRE 1972
Libreria Trebisonda, Torino TO

Un romanzo in versi che racconta la storia di un amore. Pubblicato per la prima volta nel 1988 in Ungheria, le copie vennero esaurite in tempi brevissimi e il libro divenne un caso letterario. Con l’autore dialoga Raffaele Riba


24/09/2019
18:30 -19:30
Libri
Simone Innocenti presenta VANI D'OMBRA
Libreria Trebisonda, Torino TO

Un piccolo paese di campagna, ci si conosce tutti. Impossibile non annoiarsi. In particolare se hai tredici anni, la scuola è finita, fa caldo e i vestiti ti si appiccicano addosso. Capita che a voler passare il tempo poi si diventa curiosi e con un binocolo in mano si possono vedere tante cose… Dialoga con l’autore Enrico Pandiani


26/09/2019 - 10/10/2019
18:30 -20:00
Corsi
Praga in poesia, Praga in musica con Claudio Canal
Libreria Trebisonda, Torino TO

Viaggio in tre tappe nei suoni e nei versi praghesi con una guida d’eccezione


28/09/2019
18:00 -19:15
Libri
Claudio Morandini presenta GLI OSCILLANTI
Libreria Trebisonda, Torino TO

Una giovane etnomusicologa arriva a Crottarda, località montana in cui, nei soggiorni estivi da bambina, ricorda di aver sentito degli strani canti. Entra in contatto con una comunità chiusa e diffidente, in antagonismo perenne con gli abitanti del vicino Autelor. Dialoga con l’autore Ernesto Aloia


01/10/2019
18:30 -19:45
Libri
Valerio Mattioli presenta REMORIA. La città invertita
Libreria Trebisonda, Torino TO

Remoria è la città che sarebbe sorta se al posto di Romolo, nella leggenda di fondazione fratricida, a vincere fosse stato Remo. È il negativo occulto di Roma, il rimosso che aleggia perenne e che preme per tornare in superficie


;